Pitti Immagine Uomo 85

Positivi i dati di chiusura di Pitti Uomo !

Pitti Immagine Uomo 85
L’89° Edizione di Pitti Immagine Uomo chiude con cifre in crescita, sia per quanto riguarda l’affluenza di compratori, stampa e operatori del settore, per un totale di 36.000 visitatori. Il numero complessivo dei buyer ha sfiorato le 25.000 presenze (+4%), con 8.850 compratori provenienti dall’estero (+2,5%) e oltre 16.000 italiani (+5%). Da segnalare la qualità dei compratori, con la presenza delle migliori boutique e dei principali department store del mondo. Quasi tutti i principali mercati europei hanno registrato una crescita a due cifre: Germania +14%, Spagna +20%, Olanda +14%, Gran Bretagna +9%, Svizzera +12%, Belgio +16%, con la sola Francia in flessione come presenze, ma in crescita del 4% per numero di negozi. Buoni risultati anche dai paesi del Nord Europa (Svezia, Danimarca, Norvegia, Finlandia, Irlanda, Islanda, paesi Baltici e Ucraina. Crescono del 5% gli Stati Uniti, stabile il Giappone, buone performance della Corea e di Taiwan, in crescita anche Emirati Arabi, Australia e Messico. Tra le prime 15 posizioni si confermano i mercati strategici della Cina e di Hong Kong, della Russia e della Turchia, anche se per motivi diversi hanno registrato un leggero calo nelle presenze. Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine, ha dichiarato: “Siamo contentissimi di questo Pitti Uomo, per l’atmosfera di grande positività che si è respirata negli stand e nelle facce di tutti protagonisti. Tante le novità nelle collezioni delle nostre aziende, negli eventi speciali seguitissimi sia in città che in Fortezza, e tanti i nuovi progetti annunciati nel corso di questa edizione, dal nuovo progetto Tutorship che Pitti Immagine dedica ai giovani designer, all’accordo istituzionale tra la Fondazione Discovery e le Gallerie degli Uffizi, e tanto altro. Guardiamo al futuro con fiducia, e con la consapevolezza che Firenze e Pitti Uomo sono sempre di più un luogo e un appuntamento irrinunciabili nella mappa della moda mondiale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.